Chi sono

Nato a Venezia e trascorsa la prima fanciullezza a Mestre, all’età di 12 anni vado a vivere con la famiglia nella splendida città lagunare. Frequento la scuola privata dei padri Cavanis e finisco il liceo classico all’Istituto Franchetti di Mestre dove l’ambiente, meno opprimente, mi permette qualche prima forma di espressione. Scelgo la facoltà di psicologia a Padova più per “saggiare” il mondo universitario che per interesse personale specifico e, terminati gli studi, vado a risiedere e lavorare in Brasile per 2 anni.

Tornato dall’esperienza di vita unica e veramente profonda, inizio a lavorare nella società di famiglia dove apprendo le basi del mestiere. In quegli anni inizio a conoscere molte persone e mi incuriosisce il mondo delle imprese private, al quale mi rivolgo e che mi accoglie in una società di lavoro temporaneo. Mi rendo conto che continuo a fare consulenza e per cui, dopo poco, entro in una azienda di produzione.  Nel frattempo mi sposo (scelta quantomeno discutibile) e faccio 2 figli Mia figlia(che sono il vero significato della mia vita. Li vedete qui, insieme a me). Cambio un paio di aziende e, nel 2003, un percorso di outplacement mi fa capire che il mio spirito libero e sperimentatore si può esprimere al meglio attraverso la libera professione. Intanto mi separo, compro la terza casa (le prime 2 non le possiedo più…) e mi sboccia l’amore per la montagna. Ho sempre fatto sport: calcio, basket, beach volley, tennis, windsurf e vela, ma la montagna mi rapisce per le avventure e la solitudine che in essa puoi trovare.

Temporary manager, consulente per l’organizzazione aziendale e la valutazione del potenziale,  è soprattutto la formazione che mi porta a girare l’Italia. Sempre con la stessa voglia di cambiare, di imparare e di migliorarmi.

Mio figlioOggi posso dire che le mie più grandi conquiste sono i miei due figli, con i quali condivido tante attività, qualche cima nelle Alpi e nelle Ande di grande valore (per me), la gestione “umana”del divorzio e il raggiunto equilibrio fra vita privata e lavoro. Le mie soddisfazioni sono collegate al fatto che, attraverso ciò che faccio, esprimo il mio essere, la mia natura: posso “dire ciò che penso”, sono libero (abbastanza… ancora non del tutto) da tanti condizionamenti della società odierna, posso organizzare in maniera meticolosa tutto della mia vita e posso, poi, dare sfogo alla mia flessibilità e capacità d’improvvisazione, visto che raramente le cose vanno come le avevi immaginate e programmate.

 

Mi potete trovare anche su Facebook e su Linkedin.

Il mio Curriculum Vitae completo: Curriculum Vitae Matteo Majer, 2017

Il mio Curriculum alpinistico: Curriculum alpinistico

 

Comments are closed.